Intercultura

The Timeless Dance. Beyond the Mountains

Roma Multietnica - Mar, 05/09/2017 - 11:12

Da mercoledì 13 a martedì 26 settembre 2017 il Complesso del Vittoriano – Ala Brasini, Via di San Pietro in Carcere, ospiterà, sotto l’egida dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano e con il Patrocinio della Regione Lazio, la prima tappa della mostra The Timeless Dance. Beyond the Mountains, un viaggio fantastico e polisensoriale alla scoperta delle opere e dell’universo di valori del cinese Mao Jianhua, a cura di Martina Mazzotta. Cento opere che scandiscono un percorso a spirale, in sette tappe, suddiviso per concetti ed emozioni, che coinvolge il visitatore in una vera e propria danza senza tempo, alla riscoperta dei battiti del proprio cuore, che risuonano con i ritmi della natura delle montagne incantate di Mao Jianhua. Ingresso libero.

Da mercoledì 13 a martedì 26 settembre 2017 il Complesso del Vittoriano – Ala Brasini, Via di San Pietro in Carcere, ospiterà, sotto l’egida dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano e con il Patrocinio della Regione Lazio, la prima tappa della mostra The Timeless Dance. Beyond the Mountains, un viaggio fantastico e polisensoriale alla scoperta delle opere e dell’universo di valori del cinese Mao Jianhua, a cura di Martina Mazzotta. Cento opere che scandiscono un percorso a spirale, in sette tappe, suddiviso per concetti ed emozioni, che coinvolge il visitatore in una vera e propria danza senza tempo, alla riscoperta dei battiti del proprio cuore, che risuonano con i ritmi della natura delle montagne incantate di Mao Jianhua. Ingresso libero.

I dipinti sono eseguiti con pennello e inchiostro su carta di cotone fatta a mano e laminata con una tecnica innovativa, ideata dallo stesso Mao, e variano nelle dimensioni, trsportandoti in avventure che occupano lo spazio di fogli di piccolo formato fino a giungere al rotolo più imponente, largo ben sette metri.

*MAO JIANHUA*
Mao Jianhua nasce nel 1955 a Changshu, Jiangsu, è un imprenditore che, a lungo impegnato a livello internazionale, una decina di anni fa, ha saputo dare una svolta alla propria esistenza avviando un intenso percorso d’indagine dei fondamenti culturali e spirituali di certa tradizione cinese. Accompagnandosi alla costante presenza di un Maestro, guida spirituale all’esplorazione delle dimensioni più profonde del sé e insieme della natura, e non trascurando il contesto del taoismo e del buddhismo zen, Mao ha intrapreso con disciplina la pratica della meditazione e dell’isolamento, ha scoperto il rapporto simpatetico con la natura attraverso le montagne sacre, si è dedicato alla musica, agli scacchi e, con esiti sorprendenti, alla calligrafia e alla pittura.
Il risultato di questo graduale processo, sempre in divenire, sono i suoi straordinari dipinti di paesaggi – inquadrabili nell’ampio spettro del Shan Shui – che stimolano criticamente a considerare le dimensioni della tradizione e della modernità in Cina. Si tratta di paesaggi dell’anima che tutti noi possiamo rivivere nelle straordinarie pennellate calligrafiche in bianco e nero, negli spazi vuoti che risuonano e nei fitti segni grafici che si trasformano allo sguardo, nell’abisso delle montagne come nello spazio aereo che sovrasta le acque.

Orario: dal lunedì al giovedì con orario 9.30 – 19.30; venerdì e sabato 9.30 – 22.00; domenica 9.30 – 20.30


Complesso del Vittoriano – Ala Brasini
Via di San Pietro in Carcere
Per info e prenotazioni:
tel. 06 8715111

Categorie: Intercultura

Mostra dell’artista cinese Chao Ge al Vittoriano

Roma Multietnica - Lun, 04/09/2017 - 13:31

Fino a martedì 26 settembre 2017 al Complesso del Vittoriano, Via di San Pietro in Carcere, è possibile visitare la mostra personale dell’artista cinese Chao Ge, Epos. La lirica della luce. Un'ottantina di opere, tra oli su tela, tempere e disegni descrivono, raccontati dal maestro cinese Chao Ge, luoghi e personaggi dell'Asia centrale e della Inner Mongolia. Cultore appassionato del Rinascimento italiano, ritrattista meticoloso e notevole paesaggista, Chao Ge è l'espressione più piena della propria terra d'origine, quella "terra del cielo blu" così definita per la spettacolare luce che tutto vivifica. Ingresso libero.

Fino a martedì 26 settembre 2017 al Complesso del Vittoriano, Via di San Pietro in Carcere, è possibile visitare la mostra personale dell’artista cinese Chao Ge, Epos. La lirica della luce. Un'ottantina di opere, tra oli su tela, tempere e disegni descrivono, raccontati dal maestro cinese Chao Ge, luoghi e personaggi dell'Asia centrale e della Inner Mongolia. Cultore appassionato del Rinascimento italiano, ritrattista meticoloso e notevole paesaggista, Chao Ge è l'espressione più piena della propria terra d'origine, quella "terra del cielo blu" così definita per la spettacolare luce che tutto vivifica. Ingresso libero.


Complesso del Vittoriano – Ala Brasini
Roma, Via di San Pietro in Carcere s.n.c.
Date: 27 luglio - 26 settembre 2017
Orari di apertura: Dal lunedì al giovedì 9.30 - 19.30; Venerdì e sabato 9.30 - 22.00; Domenica 9.30 - 20.30 (L'ingresso è consentito fino un'ora prima)

Categorie: Intercultura

Altri mondi letterari: Grafias incontra Rodrigo Elgueta

Roma Multietnica - Lun, 04/09/2017 - 13:11

Mercoledì 6 settembre 2017 alle ore 20, alla libreria Giufà, via degli Aurunci 38, l’illustratore cileno Rodrigo Elgueta presenta Gli anni di Allende (Edicola), dialogando con Cecilia Raneri e Serena Talento della redazione di Grafias e con l’illustratrice Veronica Leffe, membro del collettivo TerraNullius Narrazioni Popolari. L’artista molisana Chiara Scarpone, con voce e chitarra, accompagnerà l’incontro con un omaggio a Violeta Parra, simbolo del folklore cileno.

Mercoledì 6 settembre 2017 alle ore 20, alla libreria Giufà, via degli Aurunci 38, l’illustratore cileno Rodrigo Elgueta presenta Gli anni di Allende (Edicola), dialogando con Cecilia Raneri e Serena Talento della redazione di Grafias e con l’illustratrice Veronica Leffe, membro del collettivo TerraNullius Narrazioni Popolari. L’artista molisana Chiara Scarpone, con voce e chitarra, accompagnerà l’incontro con un omaggio a Violeta Parra, simbolo del folklore cileno.

La serata è organizzata da Edicola, casa editrice italo-cilena che promuove un ponte di cultura tra Italia e Cile, e da Grafias, rivista di informazione editoriale internazionale che ricerca visioni e contributi nuovi sul mondo del libro e della letteratura, e sarà un’occasione non solo per conoscere più da vicino uno dei capitoli più emozionanti della storia moderna, ma anche per scoprire alcuni degli aspetti più vivaci e interessanti del mondo dell’illustrazione cilena e sudamericana.

Il libro
Vincitore del Premio Liberi di Scrivere Award 2016, “Gli anni di Allende” racconta con passione e rigore storico gli accadimenti politici, i fattori e gli attori che caratterizzarono la via cilena al socialismo, e la sua fine. Il libro ci riporta alle speranze e alle paure dei protagonisti di allora, persone che vissero con entusiasmo e dolore il modo in cui nacque e venne distrutto un esperimento unico nel XX secolo. Sceneggiatura fedele di una delle pagine più affascinanti e rivoluzionarie della storia moderna, “Gli anni di Allende” è, sia dal punto di vista dei contenuti che delle immagini, frutto di una ricerca storica e iconografica minuziosa e dettagliata che si traduce nel realismo grafico e nella ricchezza dei testi.

Rodrigo Elgueta
Disegnatore di fumetti e illustratore, ha esposto in Cile e all’estero. Si è dedicato alla gestione di attività culturali, organizzando e coordinando diversi progetti ed eventi di narrativa grafica. Ha lavorato insieme alle case editrici Arrayán, SM ediciones e Salo S.A., per la quale ha disegnato parte della serie “Mitos y Leyendas”. Ha pubblicato il fumetto di fantasia “Dragón Lemur” per la casa editrice Visual ediciones e la storia a fumetti “Flamenco”. Insieme all’autore Juan Vásquez ha creato la rivista di fumetti e illustrazioni “Platino”. La sua prima novella grafica, “El origen”, è stata scritta da Daniel Benavides e pubblicata da Catalonia. Ha partecipato alle raccolte di fumetti “In Absentia Mortis” e “In Nomine Mortis” con gli sceneggiatori Ángel Bernier e Carlos Reyes e, con quest’ultimo, ai volumi della serie “Heredia Detective” (LOM).

Per ulteriori informazioni:
Alice Rifelli – alicerifelli@yahoo.it
Roberta De Marchis - cufficiostampa@grafias.it


Libreria Giufà
Via degli Aurunci 38
Tel. 06 4436 1406

Categorie: Intercultura

Un posto a scuola

Roma Multietnica - Lun, 24/07/2017 - 13:06

La Rete Scuole Migranti fornisce alcune indicazioni per i migranti in difficoltà nel trovare un posto a scuola per i propri figli. Su www.scuolediroma.it si trova la mappa di tutte le scuole pubbliche di Roma, divise per Municipi, con indicazioni utili, orari di ricevimento e molto altro. Anche in arabo, bengalese, cinese, rumeno, spagnolo, inglese e francese

La Rete Scuole Migranti fornisce alcune indicazioni per i migranti in difficoltà nel trovare un posto a scuola per i propri figli. Su www.scuolediroma.it si trova la mappa di tutte le scuole pubbliche di Roma, divise per Municipi, con indicazioni utili, orari di ricevimento e molto altro. Anche in arabobengalesecineserumenospagnoloinglese e francese.

Segnalare il problema a info@scuolemigranti.org che raccoglie le situazioni problematiche per coinvolgere l’Ufficio Scolastico Regionale, il MIUR, l’ente locale.

Per la legge italiana la scuola è aperta a tutti, anche se privo di permesso di soggiorno regolare.

Articolo 34 della Costituzione: “la scuola è aperta a tutti. L’istruzione inferiore, impartita per almeno 8 anni, è obbligatoria e gratuita”. Dal 2006 la scuola è obbligatoria per 10 anni (compimento di 16 anni d’età).

Per informazioni:
info@scuolemigranti.org 347 2804675 ore 9 - 13

info@scuolediroma.it / Sportello Skype: ScuolediRoma lunedì ore 14 - 16

 

 

Categorie: Intercultura

Corso base per operatore sociale dell'accoglienza dei richiedenti asilo e rifugiati

Roma Multietnica - Ven, 21/07/2017 - 10:12

Nel mese di settembre 2017 (4-11-18-25 settembre) parte il  Corso base per operatore sociale dell'accoglienza dei richiedenti asilo e rifugiati rivolto a chi già lavora o ha lavorato nel campo dell’accoglienza o è interessato ad acquisire maggiori competenze e strumenti base per proporsi come "operatore dell'accoglienza". Al termine del percorso formativo, l’Operatore sociale dell’accoglienza, avrà acquisito un bagaglio di conoscenze, competenza e strumenti operati utili alla propria crescita professionale con l’obiettivo di svolgere al meglio la propria attività all’interno dei centri SPRAR/CAS o altre strutture similari. Il corso si terrà presso la sede AIASF in via Giacomo Puccini, 9. Iscrizioni entro il 28 agosto 2017.

Nel mese di settembre 2017 (4-11-18-25 settembre) parte il  Corso base per operatore sociale dell'accoglienza dei richiedenti asilo e rifugiati rivolto a chi già lavora o ha lavorato nel campo dell’accoglienza o è interessato ad acquisire maggiori competenze e strumenti base per proporsi come "operatore dell'accoglienza". Al termine del percorso formativo, l’Operatore sociale dell’accoglienza, avrà acquisito un bagaglio di conoscenze, competenza e strumenti operati utili alla propria crescita professionale con l’obiettivo di svolgere al meglio la propria attività all’interno dei centri SPRAR/CAS o altre strutture similari. Il corso si terrà presso la sede AIASF in via Giacomo Puccini, 9. Iscrizioni entro il 28 agosto 2017.

 

 

 

 

 

 

 

 

Programma:
I° MODULO: IL CENTRO D'ACCOGLIENZA
4 Settembre dalle 14.00 alle 18.00
Modalità di arrivo
La modulistica di riferimento e l'informazione ai beneficiari
Il ruolo dell’operatore d’accoglienza
Il lavoro di équipe
Formatore: dr.ssa Serena Celletti
Sociologa e assistente sociale, in possesso di Master Universitario di II livello in
ambito delle migrazioni. Da anni svolge la sua attività professionale nel terzo settore
all’interno del sistema della accoglienza per i richiedenti asilo e rifugiati.
II° MODULO: ASPETTI LEGALE
11 Settembre dalle 14.00 alle 18.00
Accoglienza legale
Tipologia di Permessi di Soggiorno
Preparazione legale
Ricorso e Appello
Formatore: Avv. Barbara Boni
Avvocato del foro di Roma ed esperta in Immigrazione ed Asilo
III° MODULO: ITER SANITARIO E BUONE PRASSI
18 Settembre dalle 14.00 alle 18.00
Elementi di epidemiologia
Luoghi comuni e buone prassi
Privacy
Accesso al SSN
Formatore: dr. Gaetano Tammaro
Infermiere specializzato, titolare di 4 Master in differenti discipline. Da 20 anni lavora
nell’ambito dell’emergenza sanitaria ,formatore e laureando in scienze della formazione.
III° MODULO: STRUMENTI PER L’ORIENTAMENTO E LA RICERCA ATTIVA DI
LAVORO
25 Settembre dalle 14.00 alle 18.00
Il colloquio di orientamento
Le politiche nazionali ed europee per l’occupazione e servizi competenti
Formatore: dr.ssa Lucia Ferian
Operatrice dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro. Collabora con
Anpal Servizi (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro) fa parte
dell’Associazione PRIME Italia, nel servizio di coordinamento di progetti di politiche
attive del lavoro in favore di richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale.

INFORMAZIONI E ADESIONI:
segreteria@aiasf.it
www.aiasf.it

COSTO: € 305,00 (compreso IVA)
da effettuare tramite bonifico a:
Conto Banco Posta In Proprio
Codice Iban IT77D0760103200001019241288
Intestato a Associazione Italiana Assistenti Sociali Formatori

Categorie: Intercultura

Atissou Loko percussionista haitiano da GRIOT

Roma Multietnica - Lun, 17/07/2017 - 15:30

Giovedì 20 di luglio 2017 dalle ore 20 alle 21.30 presso GRIOT in via di Santa Cecilia, 1/a Atissou Loko, percussionista haitiano si esibirà in concerto. Durante la serata verrà offerto un aperitivo (prosecco, ginger&lime drink) accompagnato da finger food (contributo libero).

Giovedì 20 di luglio 2017 dalle ore 20 alle 21.30 presso GRIOT in via di Santa Cecilia, 1/a Atissou Loko, percussionista haitiano si esibirà in concerto. Durante la serata verrà offerto un aperitivo (prosecco, ginger&lime drink) accompagnato da finger food (contributo libero).
“Atissou Loko”, è il nome d’arte, scelto per evocare una storia: quella del ritorno di Cyril Forman, alle proprie radici caraibiche. Radici che nascono nella pianura di Gonaives, altopiano della guerra d’indipendenza; radici di Haiti, degli schiavi venuti dal continente africano e che hanno perpetuato un vaudou antico, nato in Africa occidentale. Ritrovando le proprie radici nel suono dei tamburi, Cyril muta, diviene Atissou Loko (figlio di Papa Loko, divinità dell’aria e dello spazio, simboleggiato da un albero) e sceglie come proprio simbolo la farfalla, che vola portando lontano i suoni haitiani per mescolarli a quelli di altri paesi e creare un ponte tra Africa, Europa e Caraibi.

Atissou Loko fonde i ritmi rara e vaudou haitiani con il rock, il jazz e le ballate. La musica che propone si chiama “Racine” (radice), proviene dalla scuola Sanba di Port au Prince e offre una base di oltre cento ritmi tradizionali che possono fondersi con musiche contemporanee o antiche. Il musicista ha al suo attivo sei album, realizzati assieme al suo gruppo (Mariame Kadi – voce; Jean-Phillipe Rykiel – piano; David Jacob – basso; Julien Tekeyan – batterie, percussioni), album che propongono un viaggio musicale tra i più “spaesanti” e dove la musica tradizionale si mescola al canto, con sonorità reggae, blues, rap, groove… in un desiderio di comunione tra stili, suoni e popoli.

GRIOT
via di Santa Cecilia, 1/a

Categorie: Intercultura

Sumoud guirab - Cornamuse di pace

Roma Multietnica - Ven, 14/07/2017 - 12:14

Con il Tour Italia 2017 ritornano in varie date Sumoud guirab - Cornamuse di pace, banda di musicisti palestinesi di cornamuse del campo profughi di Burj al Shemali, Tyro, Libano. Martedì 18 luglio ore 19 presso la Coop. sociale agricola Garibaldi ci sarà l'incontro, il concerto e la cena.via di Grotte d'Arcaccio (Istituto aeronautico De Pinedo). Mercoledì 19 luglio a Garbatella, a partire dalle 18, in piazza Damiano Sauli, concerto e cena a seguire.

Con il Tour Italia 2017 ritornano in varie date Sumoud guirab - Cornamuse di pace, banda di musicisti palestinesi di cornamuse del campo profughi di Burj al Shemali, Tyro, Libano. Martedì 18 luglio ore 19 presso la Coop. sociale agricola Garibaldi ci sarà l'incontro, il concerto e la cena.via di Grotte d'Arcaccio (Istituto aeronautico De Pinedo). Mercoledì 19 luglio a Garbatella, a partire dalle 18, in piazza Damiano Sauli, concerto e cena a seguire.

Per prenotare la cena del 18 contattare Giancarlo 331 6423680 - Paolo 338 111401.

La passeggiata musicale del 19 (percorso in calce) inizierà intorno alle 18 in piazza Damiano Sauli, Garbatella, e terminerà intorno alle 20 nella stessa piazza Sauli dove si terrà il CONCERTO e si potranno assaggiare
CIBI TIPICI PALESTINESI.

L’evento si concluderà entro le 22 nel grande abbraccio della "DABKA", la tradizionale danza palestinese, a cui tutti potranno unirsi.

Potrete godere la magica apparizione delle “Cornamuse di pace” nelle strade di Garbatella con i costumi tradizionali o le divise di scout, i concerti intervallati dalle
tipiche danze palestinesi, l’energia della nuova generazione cresciuta all’ombra dei racconti dei più grandi che presero parte al Tour Italia del 2009.

Percorso della passeggiata

piazza Damiano Sauli, via Rho, via Giustino de Jacobis (tratto), piazza Sant'Eurosia, via Antonio Rubino (tratto), piazza Sapeto,
scalinata Carlotta, piazza Ricoldo da Montecroce, via Roberto de Nobili (tratto), piazza Geremia Bonomelli, via Guglielmo
Massaia (tratto), piazza Michele da Carbonara, via Rocco da Cesinale, piazza Nicola Longobardi, tratto via Giovanni Ansaldo, via
Carlo Randaccio, piazza Masdea, scalinata via Guidotti Obizzo, tratto via Edgardo Ferrati, piazza Bartolomeo Romano, via Luigi
Orlando (tratto), piazza Brin, via Alberto Guglielmotti (tratto), via delle Sette Chiese, Parco di Commodilla, via delle Sette Chiese,
largo Sette chiese, via Nicolò Odero, via Passino, piazza Damiano Sauli.

Programma completo in allegato

Per maggiori info: https://www.ulaia.org/

Categorie: Intercultura

Hanif Kureishi presenta Uno zero alla Biblioteca Renato Nicolini

Roma Multietnica - Mar, 11/07/2017 - 14:32

Nell’ambito della XVI Edizione di Letterature Festival Internazionale di Roma giovedì 13 luglio 2017 alle ore 11 in via Marino Mazzacurati, 76 la Biblioteca Renato Nicolini ospita lo scrittore Hanif Kureishi che presenta il suo ultimo romanzo Uno zero (Bompiani editore) in dialogo con Elena Stancanelli e Marino Sinibaldi.

Nell’ambito della XVI Edizione di Letterature Festival Internazionale di Roma giovedì 13 luglio 2017 alle ore 11 in via Marino Mazzacurati, 76 la Biblioteca Renato Nicolini ospita lo scrittore Hanif Kureishi che presenta il suo ultimo romanzo Uno zero (Bompiani editore) in dialogo con Elena Stancanelli e Marino Sinibaldi.

Hanif Kureishi è nato a Londra da padre pakistano e madre inglese. È romanziere, drammaturgo, sceneggiatore (e per una volta anche regista: London kills me, 1991). Ha scritto le sceneggiature per i film di Stephen Frears My Beautiful Laundrette (1985) e Sammy e Rosie vanno a letto (1987) e per The Mother (2003) e Venus (2006) di Roger Mitchell; il romanzo Il Budda delle periferie (1990) è divenuto uno sceneggiato televisivo per la BBC, e dalla raccolta di racconti Love in a blue time (Bompiani, 1996) è stato tratto il soggetto del film Mio figlio il fanatico diretto da Udayan Prasad; dal romanzo Nell’intimità (Bompiani, 2000) Patrice Chéreau ha tratto il film vincitore al Festival di Berlino 2001, Intimacy.Bompiani ha pubblicato inoltre Il dono di Gabriel (2002), Il corpo (2003), Il mio orecchio sul suo cuore (2004), gli interventi politici Otto braccia per abbracciarti (2002) e La parola e la bomba (2006), i romanzi Ho qualcosa da dirti (2008), L'ultima parola (2013) raccolte di racconti come Il declino dell'Occidente (2010), Tutti i racconti (2011), Un furto (2015).

Biblioteca Renato Nicolini
via Marino Mazzacurati, 76
tel 06 45460421

Categorie: Intercultura

Mandela Day 2017

Roma Multietnica - Mar, 11/07/2017 - 13:26

Martedì 18 luglio 2017 dalle ore 18 alle 21 presso la Casa della Partecipazione in Via dei Sabelli 88/A in occasione del Mandela Day 2017 diverse associazioni aderenti alla Rete ForumSaD (tra cui il Centro Benny Nato) invitano all'iniziativa Mandela Day 2017-Agisci, ispira il cambiamento, fai che ogni giorno sia un Mandela Day per riaffermare insieme non solo il messaggio del premio Nobel per la Pace Nelson Mandela, ma anche l'impegno contro apartheid e discriminazioni e la solidarietà alle persone vulnerabili di oggi, alla presenza di ambasciatori, istituzioni, associazioni romane e cittadini.

Martedì 18 luglio 2017 dalle ore 18 alle 21 presso la Casa della Partecipazione in Via dei Sabelli 88/A in occasione del Mandela Day 2017 diverse associazioni aderenti alla Rete ForumSaD (tra cui il Centro Benny Nato) invitano all'iniziativa Mandela Day 2017-Agisci, ispira il cambiamento, fai che ogni giorno sia un Mandela Day per riaffermare insieme non solo il messaggio del premio Nobel per la Pace Nelson Mandela, ma anche l'impegno contro apartheid e discriminazioni e la solidarietà alle persone vulnerabili di oggi, alla presenza di ambasciatori, istituzioni, associazioni romane e cittadini.

Programma:

dopo la proiezione di un breve documentario su Mandela, interverranno gli ambasciatori presenti (al momento hanno confermato gli ambasciatori del Sudafrica e del Senegal) e le associazioni che si occupano di solidarietà e impegno sui diritti umani.

Ci sarà una mostra fotografica e si chiuderà con un breve intervento musicale dell’Ass. Antonio Cotogni con la violinista Valeria Modica e il reading di poesie africane.

Durante l’evento sarà servito un aperitivo. In quest'occasione la Presidente del Municipio Roma 2 e il sindaco del Comune di Fiastra, duramente colpito dal terremoto dello scorso anno, annunceranno un "Patto di Amicizia" e di impegno solidale tra le due comunità.

Nel dettaglio:

18:00 Proiezione video
18:30 Mandela Day 2017: interventi S.E. Nomatemba Tambo Ambasciatrice Repubblica del Sudafrica e ambasciatori di altri paesi africani
18:45 Presentazione Patto di Amicizia e Solidarietà Fiastra/Roma2: Sindaco Claudio Castelletti - Presidente Francesca Del Bello Ass. promotrici: ForumSaD, Centro Benny Nato, Engim, Energia per i Diritti Umani
19:15 Accoglienza ai migranti: Diritti al Cuore, Anpi, associazioni del territorio
19:45 Aperitivo
20:30 Intervento musicale con Ass. Cotogni e la violinista Valeria Modica

Ingresso libero

Casa della Partecipazione
Via dei Sabelli 88/A

Categorie: Intercultura

Concerto di Madya Diebate e Angelo Olivieri

Roma Multietnica - Mar, 11/07/2017 - 12:47

Martedì 11 luglio 2017 dalle ore 20.30 presso il Caffè Sospeso, Via Gentile da Mogliano 172, si terrà il concerto di Madya Diebate e Angelo Olivieri per una serata all'insegna della Kora, di una tromba e di una trascinante voce Senegalese. Madya Diebaté è un griot o jalì proveniente dalla Casamance, regione nel sud del Senegal e residente in Italia a Roma ormai da molti anni. Madya è un korafolà, un virtuoso della kora (l’arpa a 21 corde dei mandingo), nonché cantante dalla voce eterea e tenorile. Angelo Olivieri è un trombettista, compositore.

Martedì 11 luglio 2017 dalle ore 20.30 presso il Caffè Sospeso, Via Gentile da Mogliano 172, si terrà il concerto di Madya Diebate e Angelo Olivieri per una serata all'insegna della Kora, di una tromba e di una trascinante voce Senegalese. Madya Diebaté è un griot o jalì proveniente dalla Casamance, regione nel sud del Senegal e residente in Italia a Roma ormai da molti anni. Madya è un korafolà, un virtuoso della kora (l’arpa a 21 corde dei mandingo), nonché cantante dalla voce eterea e tenorile. Angelo Olivieri è un trombettista, compositore.

La kora che Madya suona è uno strumento che unisce la terra al cielo. La musica che ne vien fuori è uno dei miracoli più intimi e stupefacenti dell’arte africana. Chiunque la ascolti ne resterà incantato e stenterà a credere che quei suoni possano provenire dalle antiche tradizioni di un continente famoso per i suoi tamburi.
Quella di Madya è musica spirituale e rarefatta che esprime con coraggio l’evoluzione artistica alla quale si è dedicato in questi anni italiani. I temi cantati da Madya in lingua mandinka, riguardano lo stupore davanti alla creazione divina, i valori dell’amicizia e della saggezza, l’importanza di aiutarsi gli uni con gli altri e la speranza per un destino che appaghi. Musica che viene da lontano e che arriva nel profondo, gioia di vivere con misteriosa semplicità.
Le composizioni di Madya sono dolci e struggenti nelle loro antiche melodie, complesse e irresistibili nei ritmi tradizionali. E’ musica che ha il potere di trascinare chi ascolta in dimensioni oniriche antiche come solo i griot e la kora riescono a fare: rifs insistenti che si rincorrono, ipnotici, meditativi, nervosi e aggrumati.
Nelle esibizioni di Madya, il tempo si farà incerto, la mente sembrerà acquietarsi e diverrà leggera. Lasciate che voli via, lontana. Questo è il miracolo della kora suonata da Madya Diebaté, suo straordinario interprete.
Oltre all’attività concertistica Madya è insegnante e costruttore di kora.

Angelo Olivieri (Pitigliano, 1968; tromba, flicorno, pocket-trumpet, composizione, arrangiamento) è un trombettista tecnicamente dotato, creativo, curioso, sperimentatore impenitente, pronto a lanciarsi in qualsiasi progetto che prevede cose nuove, inusuali, che stimolano la sua smania di ricerca e crescita artistica. Inizia a dieci anni a suonare la tromba nella banda del paese. […] Da quegli anni ha fatto molta strada. Si è
formato sull'avanguardia e la musica improvvisata. Nel corso della sua carriera ha messo in piedi diversi gruppi, sempre lavorando nell'ambito della musica sperimentale...“.
(Flavio Caprera -Dizionario del Jazz Italiano – 2014 – Feltrinelli). Negli ultimi anni, soprattutto grazie alla Med Free Orkestra di cui è direttore musicale, ha allargato il suo orizzonte alla musica indipendente, collaborando anche in fase di scrittura e arrangiamento con musicisti di vari ambiti tra cui Eugenio Bennato, Amir Issaa, Piotta, Andrea Satta, Têtes de Bois, Roy Paci, Mau Mau, Enrico Ruggeri.


Caffè Sospeso
Via Gentile da Mogliano, 172
tel. 06 83760933

 

Categorie: Intercultura

XXV Festival Sete Sóis Sete Luas

Roma Multietnica - Mar, 11/07/2017 - 12:15

Da giovedì 13 a giovedì 20 luglio 2017 torna a Roma il XXV Festival Sete Sóis Sete Luas, festival de Mediterraneo e del mondo lusofono. Fado, band multiculturali, circo acrobatco, morna, funanà, questo e molto altro. Si inizia giovedì 13 luglio alle 21 presso Villa Barberini con il concerto di fado di Cristina Maria dl Portogallo, per poi proseguire domenica 16 e lunedì 17 luglio alle ore 22 in Piazza San Pietro in Montorio con uno spettacolo di circo aereo acrobatico. Martedì 18 luglio sempre alle 22 concerto dei Les Rythmes des 7lunes con musica del Mediterraneo e di Capo Verde. La musica capoverdiana proseguirà anche mercoledì 19 alle 22 con la Santo Antao 7sois Band. Segue programma completo.

Da giovedì 13 a giovedì 20 luglio 2017 torna a Roma il XXV Festival Sete Sóis Sete Luas, festival de Mediterraneo e del mondo lusofono. Fado, band multiculturali, circo acrobatco, morna, funanà, questo e molto altro. Si inizia giovedì 13 luglio alle 21 presso Villa Barberini con il concerto di fado di Cristina Maria dl Portogallo, per poi proseguire domenica 16 e lunedì 17 luglio alle ore 22 in Piazza San Pietro in Montorio con uno spettacolo di circo aereo acrobatico. Martedì 18 luglio sempre alle 22 concerto dei Les Rythmes des 7lunes con musica del Mediterraneo e di Capo Verde. La musica capoverdiana proseguirà anche mercoledì 19 alle 22 con la Santo Antao 7sois Band. Segue programma completo.

Programma:
GIOVEDI 13 LUGLIO • ORE 21
Ambasciata del Portogallo
Villa Barberini, Via Zandonai, 84 (zona Camilluccia,
accanto a Piazza Giuochi Delfici)
CRISTINA MARIA (Portogallo) - FADO

DOMENICA 16 E LUNEDI 17 LUGLIO • ORE 22
Piazza San Pietro in Montorio (Gianicolo, davanti alla Real Academia de España)
LES P'TITS BRASIL (FRANCIA)
Spettacolo di circo aereo acrobatico

MARTEDI • 18 LUGLIO • ORE 22
Piazza San Pietro in Montorio (Gianicolo, davanti alla Real Academia de España)
LES RYTHMES DES 7LUNES (MEDITERRANEO/CAPO VERDE)

MERCOLEDI • 19 LUGLIO • ORE 22
Piazza San Pietro in Montorio (Gianicolo, davanti alla Real Academia de España)
SANTO ANTÃO 7SÓIS BAND (CAPO VERDE)
con la partecipazione speciale di MARIO INCUDINE

PROGETTO SPECIALE NELLE CASE DI RECLUSIONE
LUNEDI • 17 LUGLIO • ORE 10
Casa di Reclusione Minorile Casal del Marmo
(Via Giuseppe Barelai, 140)
LES P'TITS BRAS
(FRANCIA)
Spettacolo di circo acrobatico umoristico
con workshop di clowneria, circo contemporaneo,
tecniche di clown terapia e dinamica dell’umorismo
per i reclusi (ore 10) e le recluse (ore 12).

GIOVEDI • 20 LUGLIO • ORE 15
Casa Circondariale Rebibbia Terza Casa
(Via Bartolo Longo, 82)
SANTO ANTÃO 7SÓIS BAND (CAPO VERDE)
con MARIO INCUDINE
Concerto e workshop sulle tradizioni musicali
capoverdiane rivolto ai reclusi: morna, funana,
percussioni etniche e danze dall’isola di Santo Antão.

Info: tel. 0587 731532
info@7sois.org

Categorie: Intercultura

Bird's-eye view

Roma Multietnica - Lun, 10/07/2017 - 13:05

Mercoledì 12 luglio 2017 alle ore 20 presso l’Accademia Filarmonica Romana, Sala Casella in via Flaminia 118, l’Accademia di Romania in Roma invita al concerto di musica rumena moderna e contemporanea Bird's-eye view (Din Zbor de Pasăre).

Mercoledì 12 luglio 2017 alle ore 20 presso l’Accademia Filarmonica Romana, Sala Casella in via Flaminia 118, l’Accademia di Romania in Roma invita al concerto di musica rumena moderna e contemporanea Bird's-eye view (Din Zbor de Pasăre).
Bird’s Eye View (Din Zbor de Pasăre) si propone di fornire una visione d’insieme, dall’alto del cielo, naturalmente incompleta e fuggitiva, della musica romena da camera moderna e contemporanea, raggruppando generazioni e stili molto vari. Iniziando da George Enescu, padre della scuola componentistica romena d’oggi, e dalla sua sublime Sonata seconda per violino e piano, il programma dell’ensemble bucarestino SonoMania presenterà due opere di riferimento per i clarinettisti (la Sonata per clarinetto solo di Tiberiu Olah e Fumo di Doina Rotaru), la Fantasia quasi una sonata per violoncello e piano di Aurel Stroe, e due altre opere per ensemble prodotte dalla generazione più fiovane di compositori: un piccolo gioiello ludico postmoderno, l’invito al valzer di Mihai Măniceanu” e Verde di Diana Rotaru.

SonoMania New Music Ensemble nasce nel 2012 per iniziativa del compositore Diana Rotaru, con la volontà di attrare verso la musica moderna e contemporanea un pubblico giovane. I quattro membri dell’ensemble (Raluca Stratulat, violino; Mihai Pintenaru, clarinetto; Eugen-Bogdan Popa, violoncello e Mihai Măniceanu, piano), sono musicisti ormai affermati in Romania che si affacciano sulla scena musicale internazionale, dopo una formazione di eccellenza presso l’Università Nazionale di Musica di Bucarest.  

 
SonoMania New Music Ensemble
Raluca Stratulat, violino
Mihai Pintenaru, clarinetto
Eugen-Bogdan Popa, violoncello
Mihai Măniceanu, pianoforte
Diana Rotaru, direzione artistica

Accademia Filarmonica Romana
Sala Casella
via Flaminia 118

Categorie: Intercultura

Sogni che attraversano il mare

Roma Multietnica - Lun, 10/07/2017 - 12:55

Martedì 18 luglio 2017 alle ore 19.30 presso la Casa del Cinema, Largo Marcello Mastroianni 1, si terrà il concerto di musica araba Sogni che attraversano il mare: Amal Kaawash, bellissima voce palestinese, dal Libano, e Mahmoud Awad suonatore di oud (liuto arabo) e cantante palestinese da Ramallah, per la prima volta si esibiranno insieme. Non possono farlo nei rispettivi paesi. Un sogno che si realizzerà in Italia. Entrata gratuita con offerta libera: i fondi raccolti saranno destinati a borse di studio per il Conservatorio musicale nazionale libanese per due giovani rifugiate palestinesi.

Martedì 18 luglio 2017 alle ore 19.30 presso la Casa del Cinema, Largo Marcello Mastroianni 1, si terrà il concerto di musica araba Sogni che attraversano il mare: Amal Kaawash, bellissima voce palestinese, dal Libano, e Mahmoud Awad suonatore di oud (liuto arabo) e cantante palestinese da Ramallah, per la prima volta si esibiranno insieme. Non possono farlo nei rispettivi paesi. Un sogno che si realizzerà in Italia. Entrata gratuita con offerta libera: i fondi raccolti saranno destinati a borse di studio per il Conservatorio musicale nazionale libanese per due giovani rifugiate palestinesi.

Qualche anno fa, attraverso una chat sullo schermo del computer, Amal Kaawash inviò a Mahmoud Awad dei versi da lei scritti con il titolo “Bahr Beirut” (Il mare di Beirut), riportati qui sotto. Poi è stata la volta di Mahmoud, che ha composto la musica per quei versi: monologo di una rifugiata palestinese in Libano che esprime la bruciante nostalgia per la sua terra originaria sottrattale e allo stesso tempo la ricerca di conforto nella musica e nelle onde del Mediterraneo. Nel dicembre 2012 Bahr Beirut venne cantata per la prima volta sul palcoscenico di Ramallah da una giovane cantante, Mira Abu Hilal, in occasione del lancio di un progetto musicale Palestinese collettivo: “Naqsh”. Bahr Beirut è stato uno dei brani preferiti in quell’album e subito dopo, diventato disponibile online, ha raggiunto un vasto pubblico in Palestina, Libano e nel mondo arabo.


Casa del Cinema
Largo Marcello Mastroianni, 1
tel. 06 423601
www.casadelcinema.it

 

Categorie: Intercultura

Canti curdi d'amore e libertà: Diyar Üren Mehrovî

Roma Multietnica - Lun, 10/07/2017 - 12:37

Martedì 11 luglio 2017 alle ore 19, presso il Csoa Sans Papier, Via Carlo Felice 69, in solidarietà con la realtà Kurda, verrà presentato il lavoro del musicista kurdo Diyar Üren Mehrovî, con i suoi canti curdi d'amore e libertà. Radiosonar.net intervisterà, con traduzione simultanea italiano-kurdo, l'artista prima della sua performance live.

Martedì 11 luglio 2017 alle ore 19, presso il Csoa Sans Papier, Via Carlo Felice 69, in solidarietà con la realtà Kurda, verrà presentato il lavoro del musicista kurdo Diyar Üren Mehrovî, con i suoi canti curdi d'amore e libertà. Radiosonar.net intervisterà, con traduzione simultanea italiano-kurdo, l'artista prima della sua performance live.

Csoa Sans Papier
Via Carlo Felice, 69

Categorie: Intercultura

Donne, immigrazione e integrazione: oltre gli stereotipi

Roma Multietnica - Mer, 05/07/2017 - 10:01

Giovedì 6 luglio 2017 alle 17.30 in via della Lungara, 19 si terrà l'incontro promosso da Pari o Dispare e dalla Casa Internazionale delle Donne di Roma Donne, immigrazione e integrazione: oltre gli stereotipi con Emma Bonino e altre ospiti.

Giovedì 6 luglio 2017 alle 17.30 in via della Lungara, 19 si terrà l'incontro promosso da Pari o Dispare e dalla Casa Internazionale delle Donne di Roma Donne, immigrazione e integrazione: oltre gli stereotipi con Emma Bonino e altre ospiti.

Programma

Introducono

Francesca Maria Montemagno Presidente Pari o Dispare

Francesca Koch Presidente Casa Internazionale delle Donne

Intervengono

Emma Bonino Fondatrice di NPWJ e Presidente onoraria di Pari o Dispare

Beatrice Covassi Capo della Rappresentanza della Commissione Europea in Italia

Linda Laura Sabbadini Statistica sociale, editorialista de La Stampa

Igiaba Scego Scrittrice e giornalista

Daniele Grassucci Direttore di Skuola.net

Con le testimonianze di

Sonia, Zhou Fenxia Imprenditrice e proprietaria del ristorante Hang Zhou

Ana Laznibat Architetta e Co-fondatrice Associazione Culturale Atelier

Modera

Valeria Manieri Radio Radicale

Nel corso del pomeriggio e della sera sarà possibile firmare per sostenere la campagna “Ero Straniero – L’umanità che fa bene”, lanciata ufficialmente il 12 aprile in una conferenza stampa al Senato da Emma Bonino, da Radicali Italiani, da molti sindaci italiani e dalle organizzazioni promotrici della legge di iniziativa popolare per superare la legge Bossi – Fini e cambiare le politiche sull’immigrazione puntando su inclusione e lavoro.


Ulteriori informazioni
Casa Internazionale delle Donne
Via della Lungara 19
www.casainternazionaledelledonne.org
www.pariodispare.org

Categorie: Intercultura

Capire Ahmed Yesevi

Roma Multietnica - Mar, 04/07/2017 - 16:27

Martedì 11 luglio 2017 alle ore 18.30 presso l'Istituto Yunus Emre Centro Culturale Turco, Via Lancellotti 18, si terrà la conferenza sul filosofo sufi turco Capire Ahmed Yesevi, tenuta dal Prof. Musa Yıldız.

Martedì 11 luglio 2017 alle ore 18.30 presso l'Istituto Yunus Emre Centro Culturale Turco, Via Lancellotti 18, si terrà la conferenza sul filosofo sufi turco Capire Ahmed Yesevi, tenuta dal Prof. Musa Yıldız.

Centro Culturale Turco
Via Lancellotti, 18
tel: 06 45508020/21
roma@yee.org.tr

Categorie: Intercultura

Alle Falde di Splash. El Salvador

Roma Multietnica - Mar, 04/07/2017 - 13:06

Giovedì 13 luglio 2017 alle ore 18, l'associazione Sal e la Gelateria Splash organizzano presso gli spazi della gelateria, in Via Eurialo 104, un evento solidale su El Salvador, Paese del Centro America. Gelato Solidale ai frutti tropicali, AperiCena etnico, Danze, Immagini e racconti per sostenere il Progetto Educazione contro la violenza, che regala delle borse di studio ai giovani salvadoregni delle Scuole Superiori e dell'Università.
Il progetto, guidato dalla ONG locale Fundahmer, in Italia è sostenuto dalla Bottega Ujamaa di Roma (Via Muzio Scevola, 7 Appio Latino), dall'Ass. S.A.L. Onlus e da una rete di amici e sostenitori.

Giovedì 13 luglio 2017 alle ore 18, l'associazione Sal e la Gelateria Splash organizzano presso gli spazi della gelateria, in Via Eurialo 104, un evento solidale su El Salvador, Paese del Centro America. Gelato Solidale ai frutti tropicali, AperiCena etnico, Danze, Immagini e racconti per sostenere il Progetto Educazione contro la violenza, che regala delle borse di studio ai giovani salvadoregni delle Scuole Superiori e dell'Università.
Il progetto, guidato dalla ONG locale Fundahmer, in Italia è sostenuto dalla Bottega Ujamaa di Roma (Via Muzio Scevola, 7 Appio Latino), dall'Ass. S.A.L. Onlus e da una rete di amici e sostenitori.

Durante al serata sarà possibile conoscere qualcosa di più sulla realtà salvadoregna segnata dal coraggio e dalla forza della popolazione locale ma anche dalla violenza diffusa e dall'assenza di vere opportunità lavorative per i più giovani. Il progetto sostiene un comitato giovanile per l'assegnazione di Borse di Studio a chi invece decide di rimanere, proseguire gli studi e collaborare con le comunità locali.

Gelateria Splash
Via Eurialo, 104
tel. 06 92599642 - cell. 339 2588340
www.gelateriasplash.it


Categorie: Intercultura

Goran Bregović in concerto

Roma Multietnica - Mar, 04/07/2017 - 12:56

Venerdì 21 luglio 2017 alle ore 21.30 in Via Alberto Lionello, 201 per la rassegna Porta di Roma Live 2017 l'eclettico artista bosniaco Goran Bregović si esibirà in concerto con il suo esplosivo mix di musiche tradizionali e contemporanee. Ingresso gratuito.

Venerdì 21 luglio 2017 alle ore 21.30 in Via Alberto Lionello, 201 per la rassegna Porta di Roma Live 2017 l'eclettico artista bosniaco Goran Bregović si esibirà in concerto con il suo esplosivo mix di musiche tradizionali e contemporanee. Ingresso gratuito.

Porta di Roma
Via Alberto Lionello, 201

Categorie: Intercultura

In Ricordo del Genocidio di Srebrenica: 1995-2017 - 22° Anniversario

Roma Multietnica - Mar, 04/07/2017 - 11:17

Martedì 11 luglio 2017 alle ore 12 presso il Senato della Repubblica, Piazza Madama, sala Caduti di Nassirya la Comunità di Bosnia ed Erzegovina a Roma, Bosna u srcu - Bosnia nel cuore, invita a partecipare al 22° Anniversario del Genocidio di Srebrenica In Ricordo del Genocidio di Srebrenica: 1995-2017. L'ingresso sarà consentito dalle ore 11.30. Per gli uomini è richiesta giacca e cravatta. Si prega di confermare la partecipazione, inviando una e-mail a questo indirizzo: fatima.neimarlija@gmail.com, entro e non oltre lunedì 10 luglio. L’ingresso è consentito fino all’esaurimento dei posti.

Martedì 11 luglio 2017 alle ore 12 presso il Senato della Repubblica, Piazza Madama, sala Caduti di Nassirya la Comunità di Bosnia ed Erzegovina a Roma, Bosna u srcu - Bosnia nel cuore, invita a partecipare al 22° Anniversario del Genocidio di Srebrenica In Ricordo del Genocidio di Srebrenica: 1995-2017. L'ingresso sarà consentito dalle ore 11.30. Per gli uomini è richiesta giacca e cravatta. Si prega di confermare la partecipazione, inviando una e-mail a questo indirizzo: fatima.neimarlija@gmail.com, entro e non oltre lunedì 10 luglio. L’ingresso è consentito fino all’esaurimento dei posti.

Senato della Repubblica
Piazza Madama

Categorie: Intercultura

Insieme contro la discriminazione e per la promozione del diritto all'educazione

Roma Multietnica - Lun, 03/07/2017 - 18:07

L'Associazione Spirit Romanesc Onlus organizza la conferenza finale del Progetto “LuoghiComuni” – Insieme contro la discriminazione e per la promozione del diritto all’educazione (realizzato con il contributo della Commissione Europea, Programma Diritti, Uguaglianza e Cittadinanza) che si svolgerà nella Sala Spazio Europa della Rappresentanza della Commissione Europea a Roma, via IV Novembre 149, venerdì 7 luglio 2017 dalle ore 14.30 alle ore 19, con ingresso libero. Confermare la propria partecipazione.

L'Associazione Spirit Romanesc Onlus organizza la conferenza finale del Progetto “LuoghiComuni” – Insieme contro la discriminazione e per la promozione del diritto all’educazione (realizzato con il contributo della Commissione Europea, Programma Diritti, Uguaglianza e Cittadinanza) che si svolgerà nella Sala Spazio Europa della Rappresentanza della Commissione Europea a Roma, via IV Novembre 149, venerdì 7 luglio 2017 dalle ore 14.30 alle ore 19, con ingresso libero. Confermare la propria partecipazione all'indirizzo roxana_lupu3@yahoo.it.

Per la stampa: durante la conferenza sarà possibile intervistare i relatori.

Tutte le informazioni necessarie saranno nelle cartelle stampa che verranno rilasciate al momento dell'arrivo. Per qualsiasi richiesta: miruna.cajvaneanu@yahoo.it

 

Per maggiori informazioni riguardanti Il Progetto "LuoghiComuni" si prega di visitare il sito www.luoghicomuni.eu

 

Documenti allegati:

1. Invito/ProgrammaConferenza finale Progetto Luoghi Comuni

2. Sintesi progetto

3. Tagliando rispostainvito – si prega di compilarlo ed inviarlo all’indirizzo e-mail: roxana_lupu3@yahoo.it; in alternativa, si prega di rispondere al mittente dellapresente e-mail



* Ai partecipanti sarà data copia dell’Osservatorio Romano sulle Migrazioni.Dodicesimo Rapporto, a cura di Idos in collaborazione e con il supporto dell’Istituto di Studi Politici “S. Pio V”, e del DossierStatistico Immigrazione 2016, realizzato da Idos in partenariato con Confronti, con il sostegno dei fondi Otto per Mille della Tavola Valdese -Unione delle chiese metodiste e valdesi e la collaborazione dell’UNAR/Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri”.

 

Roxana Lupu

Responsabile eventi Ass.Spirit Romanesc Onlus

Cell: 388/40.09.992

Categorie: Intercultura

Pagine